Curriculum Professionale

Nasce da una famiglia di albergatori di antichissime tradizioni.

Il padre è anche giornalista e tenore lirico, la madre insegnante elementare.

Cresce fino all'età liceale in albergo, sempre a contatto con una estesa varietà di clientela, sviluppando una notevole dimestichezza al contatto umano.

Frequenta il liceo scientifico S.Arcangelo di Fano, collegio dei F.lli delle Scuole Cristiane (insieme a Franco Uncini con il quale coltiva la passione per la moto e per le gare).

Durante l'università d'ingegneria sfrutta la possibilità di fare esperienze lavorative presso l'Italsider di Taranto e vari cantieri in nord Italia nel settore meccanico.

Fin da bambino appassionato di meccanica, elettrotecnica e modellismo, acquisisce una preziosa conoscenza che lo porta anche alla preparazione di motori e alla costruzione di moto e parti speciali, alla messa a punto generale ed infine decide di dedicarsi professionalmente a questo settore dal 1976, fondando la DRV Tecnoresina che si occupa di materiali compositi, in atmosfera e sottovuoto, applicati in vari settori: costruzione di accessori per moto, hard tops ed accessori per veicoli fuoristrada e corsa, carrozzerie alleggerite e parti meccaniche speciali racing (cambio 5 marce, idroguida e freni a disco per Jeep e Uaz).

Costruisce per anni una linea di modelli di canoe e kajak.Inoltre realizza lavori nei settori aeronautico, d'illuminazione, d'arredamento, argentiero (stampi per lastre e metallizzazione su cera), industriale, ecc.

E' fornitore del gruppo Benelli-Guzzi-De Tomaso.

Realizza particolari per Ducati, Autodelta, collabora con il laboratorio di tecnologia dei materiali Università di Ancona.

Dal 1986 intrattiene rapporti commerciali con l'Ungheria e nel 1988 è ideatore ed organizzatore italiano del Magyar Mavad Rally Raid d'Ungheria (gara internazionale iscritta a calendari FIM e FIA), per 5 edizioni, fino al 1992.

Nel 1990 collabora con la ditta Digitax, società leader mondiale nel settore tassametri-computers di bordo, nella realizzazione del Digitax Rally Computer (rivoluzionario tripmaster per navigatori rallyes) e ne cura lo sviluppo e la promozione con la clientela.

Nel 1993 è collaboratore della "Picchio Automobili" nel progetto (finanziato con la legge 44) di realizzazione delle scocche in materiali compositi delle autovetture GT e Barchetta, ideate dall'ing. Giotto Bizzarrini.

Nel 1996, per la sua conoscenza tecnico-commerciale nel settore fuoristrada, viene selezionato dalla Asia Motor Italia (gruppo Fattori & Montani: Toyota Italia, Daewoo Italia) come direttore responsabile sviluppo rete concessionari in Italia.

Nel 1998 il gruppo Asia Motor-Kia viene assorbito dalla Hyundai con conseguenti riassetti commerciali internazionali.

Per questo motivo accetta di tornare alla Picchio Automobili dove svolge l'incarico di "tutor" per conto della sezione Imprenditorialità Giovanile del Ministero del Lavoro, questa volta per occuparsi dello sviluppo dei modelli e degli stampi (3D, Pro-E) per la realizzazione e produzione della carrozzeria in materiali compositi della vettura prototipo barchetta da competizione, che debutta in pista nel giugno dell'anno successivo.

Nel 1999, esaurito il suo compito, inizia a collaborare con la Teuco per la realizzazione di alcuni accessori in materiale composito e si occupa della loro produzione.

Inoltre, per la grande passione e la profonda conoscenza scaturite da una vita dedicata anche alle moto ed alle gare di fuoristrada (vedi Curriculum Sportivo), si diletta da circa 20 anni nella ricerca, ricostruzione, restauro e conservazione di moto da regolarità d'epoca, dei decenni '50,'60,'70.